N. Verde 800 960 318
x

Risolvi l'operazione *


I Valori nel Business - Blog LeadershipLab

i valori nel business

I VALORI NEL BUSINESS

DI COSA SI  NUTRE LA TUA VISIONE

 

Di cosa si nutre la Tua visione?

L’energia e la Tua motivazione ad andare avanti vengono dai Tuoi valori che sono anche i Tuoi riferimenti.

Chiediti: “Cos’è veramente importante per me?”.

In questo articolo ‘I valori nel Business’ voglio aiutarti ad avere un quadro più completo dei Tuoi obiettivi personali e lavorativi – e voglio anche aiutarti a dargli un posto all’interno della Tua vita così d’avere l’energia per perseguirli e migliorare la Tua Leadership personale e Attività di Business.

Per prima cosa, parti dal prendere atto dei Tuoi valori, in modo da poter essere Leader di te stessa/o.

Sono cinque – le categorie generali in cui andare alla ricerca dei Tuoi valori:

 

  • Sviluppo personale.
  • Rapporti con gli altri.
  • Lavoro
  • Salute
  • Tempo libero.

.

I VALORI NEL BUSINESS

 

Voglio fare un esercizio con te, cominciando con il prendere e con lo scegliere uno dei valori di cui abbiamo parlato poco fa, ad esempio: il Tuo lavoro.

Domandati:

  • “Nel mio lavoro, che cosa è importante?”
  • “Quali sono le cinque cosa che mi aiutano a fare bene il mio lavoro?”
  • “Perché sono importanti per me?”
  • “Cosa mi piacerebbe cambiare nel mio lavoro per renderlo più soddisfacente?”

Ora, scegli qualche esperienza di lavoro in cui hai ottenuto un risultato veramente notevole.

  • “Cosa, in questi casi, è stato importante per me?”
  • “Esperienze del genere, cosa mi fanno pensare riguardo al tipo di lavoro cui do valore?”
  • “A quali caratteristiche di chi lavora con me do importanza?”

Ecco, queste domande ti serviranno a focalizzare l’attenzione sui Tuoi valori rispetto al lavoro.
.

I VALORI FORMANO UN SISTEMA, NON UNA GERARCHIA

 

Devi scoprire quali sono le regole con cui determini come e quando questi valori vengono realizzati.

Cosa deve accadere per farti rendere conto di aver messo in atto i Tuoi valori?

Cosa ti dà la sensazione che non ne stai tenendo conto?

Essere Leader non è solo volere che i Tuoi valori siano realizzati, ma anche agire sulla base dei Tuoi valori e saperli suscitare negli altri.

Nel momento in cui fai esperienze, trai da esse la nozione che un certo valore è stato realizzato. Nella PNL il comportamento specifico, insieme agli eventi che vedi, odi e percepisci e che sono prova dei Tuoi valori, vengono chiamati “equivalenti di valore”.

Ci ne sono di quattro tipi:

  • Cosa devono fare gli altri per armonizzarsi con i Tuoi valori?
    Persone diverse chiedono dimostrazioni diverse per lo stesso valore. Per qualcuno la competenza significa portare subito a termine un compito o sentirsi in grado di farlo all’occorrenza, ma per chi gli sta accanto competenza può voler dire portare a compimento l’intero compito perfettamente per la soddisfazione altrui.
  • Quali sono le cose che gli fanno, che violano i Tuoi valori?
    Per qualcuno disonestà può voler dire rubare soldi, per qualcun altro, dire bugie.
  • Come fai a far capire che stai agendo in base ai Tuoi valori?
    Non sempre le regole che applichi per gli altri sono le stesse che applichi per Te Stessa/o.
  • Come ti rendi conto di star agendo con i Tuoi stessi valori?

 Passiamo al secondo esercizio: I segnali dei valori.

Come fai a capire che i Tuoi valori sono stati realizzati?

Ti sei mai chiesto: “Cosa deve capitarmi perché mi renda conto che questo valore si sta realizzando?”.

Ripensa a un caso in cui ti sei accorta/o che quel valore veniva realizzato, un’esperienza di riferimento per quel determinato valore.

Cos’è che ti dava quella soddisfazione?

Ora pensa a cosa deve accaderti per farti avere la cognizione che non si sia tenuto conto di un certo valore.  Perché i valori sono a un livello più generale rispetto al comportamento. A seconda delle circostanze, si può fare almeno un’idea del tipo di situazione che può favorire o contrastare determinati valori.

Le Tue regole sui valori sono facili o difficili da seguire?

Le possibilità sono due:

  • La prima è che hai molte regole diverse su cosa può infrangere i Tuoi valori e poche sul modo di realizzarli.
  • La seconda è che hai invece poche regole, ma sei estremamente sensibile alla loro violazione.

In che misura hai il controllo delle Tue regole?

Le hai scelte liberamente?

La prova che cerchi viene da Te o dagli altri?

È possibile che i Tuoi valori siano violati, piuttosto che realizzati? Se realizzarli è difficile, sarà molto raro che ti sentirai soddisfatto, avendo più probabilità di rimanere male che di sentirti bene.

Ci sono più possibilità che si realizzino, che essere disattesi? In questo modo, ottenere risultati voluti sarà più facile e la Tua soddisfazione più probabile.

Adesso hai i Tuoi valori e le relative regole per realizzarli, ma voglio chiederti di pensare ai Tuoi obiettivi. A cos’è che vuoi dalla Tua vita e dalla Tua Attività di Business.

 

OBIETTIVI

 

Considera i cinque ambiti della Tua vita elencati in precedenza e scrivi cinque o sei obiettivi per ciascun ambito che ti vuoi prefissare. Metti insieme obiettivi a lungo termine (10 o più anni), a medio termine (5-10 anni) e a breve termine (i prossimi 5 anni).

Stabilisci esattamente cosa vuoi nel migliore dei mondi possibili. 😉

Come fai a sapere di aver raggiunto i Tuoi obiettivi?

Quali eventi vedrai, sentirai e percepirai nel raggiungerli?

Considerali uno alla volta e quanto ti sembrano lontani.

Certamente avrai obiettivi con distanze diverse e proverai emozioni diverse in rapporto ai più lontani e ai più vicini.

Ora, prova ad avvicinare i più lontani per guardarli meglio.

Sei soddisfatta/o della Tua lista di obiettivi?

Che idea danno del tipo di persona che sei?

.

VISIONE

 

È improbabile che la Tua visione si formi pienamente in pochi istanti. Comincia col pensare agli obiettivi che hai e ai valori che contano per te.

 

Quali sono i Tuoi tre desideri?

Cosa vuoi realizzare?

Visione organizzata.


La Leadership si basa sulla Tua visione personale, e lo stesso vale anche per la Leadership di tipo organizzativo. È qualcosa che appartiene a tutti e quei tutti devono collaborare per realizzarla. La visione è sempre più grande di quello che riuscirai a compiere da sola/o. È una cosa che INCLUDE e non che ESCLUDE! Che UNISCE le persone piuttosto che LIMITARLE!

Lo sviluppo di una visione organizzativa implica chiarezza su valori, mete e obiettivi e deve anche arrivare a contenere una strategia competitiva.

La visione personale risponde a tre domande:

  • Cosa vuoi raggiungere?
  • Come vuoi raggiungerlo?
  • Cosa è importante per te?

La visione organizzativa risponde a diverse domande:

  • Cosa stiamo cercando di raggiungere?
  • Quali sono i nostri valori?
  • Come valutiamo i risultati?
  • Come ci confrontiamo con i cambiamenti?
  • Come guadagniamo un margine competitivo?

Il successo negli affari richiede alte prestazioni ottenute per mezzo di precise capacità e di procedure specificamente adatte ad una categoria ben definita di clienti.

Una visione individua il punto focale, il punto fermo intorno al quale la Tua azienda o Attività di Business si organizza.

Una visione all’interno di un’organizzazione di qualsiasi tipo si costruisce in quattro modi.

 

PARLARE

 

Parlare è raccontare agli altri la Tua visione e restare in attesa che la seguano. Quello che dici deve essere vero e inequivocabile. La modalità del parlare, però, richiede sempre credibilità e autorevolezza, altrimenti rischia di apparire oppressiva.

Se abusata, può generare risentimento o dipendenza e soffocare la creatività dell’azienda. Il ‘parlar chiaro’ non va più bene come stile manageriale, in quanto è la faccia dello stile “comando e controllo”.

Tutto ciò, non suscita una visione condivisa, ma UNA visione. La modalità di parlare si accompagna a quella successiva: vendere.

VENDERE

 

Vendere è parlare con la promessa di vantaggi. È persuasione, quello che VUOI è che gli altri ‘investano’ nella Tua visione. Tu vendi dei vantaggi, cercando di collegarli a ciò che per le persone/clienti ha valore. 😉

CONSULTARE

 

La consultazione plasma la visione chiedendo agli altri cosa pensano. È una modalità flessibile in cui il controllo ha meno peso, mentre la fiducia ne ha di più. Implica spesso un approccio a pioggia, con la formazione di gruppi di discussione di non più di una dozzina di persone.

La consultazione presuppone anch’essa che la visione sia diffusa dall’alto in basso, solo che si tratta di una diffusione ‘goccia a goccia’, diversa quindi da quella ‘spinta’ tipica dell’approccio parlato, e da quella ‘venduta’ tipica dell’approccio di vendita.

 

CREARE

 

È il modo di realizzare una visione condivisa che dà maggiori soddisfazioni, pur essendo il più rischioso. Un metodo che richiede una cultura imprenditoriale in cui tutti sanno consapevolmente esprimere quello che si vuole.

Solo un’organizzazione con un certo grado di condivisione della visione può lanciarsi in questo tipo di processo creativo, che è un po’ come dire che può usarlo solo chi già ce l’ha.

È un metodo dispendioso, che richiede un Leader, almeno nella sua fase di avvio, ma che può portare a una visione veramente condivisa.

 

Sono quattro approcci: parlare, vendere, consultare, creare, che hanno punti di forza e punti deboli – non c’è un metodo giusto in assoluto, il Leader dovrà scegliere quello che fa al caso suo in una determinata situazione.

Ed è quello che DEVI fare TU per la Tua Leadership personale e la Tua Attività di Business.

 

Sono questi approcci ad essere orientati verso la soluzione dei Tuoi problemi. Essi danno forma al Tuo modo di avviare un progetto comune o di lavorare insieme ad altri alla soluzione di un problema.

 

Considera i seguenti punti:

  • Dici semplicemente agli altri come andranno le cose?
    Funziona solo se ne sai più degli altri, se hai un punto di osservazione migliore per poter comprendere le conseguenze future in una situazione di difficoltà.
  • Cerchi di convincere gli altri dei benefici che ne deriveranno?
    In genere è un metodo migliore del parlare puro e semplice, perché mette gli altri in condizioni di collegare il Tuo discorso ai loro bisogni e desideri; e di immaginare i benefici.
  • Senti tutti i punti di vista prima di decidere?
  • O magari avvii una libera discussione in cui tutte le voci hanno lo stesso peso, in modo da far emergere la soluzione?

 Nella sua fase di evoluzione, una visione condivisa deve avere flessibilità, e la giusta dose di ambiguità per potersi via via adeguare ai mutamenti dell’organizzazione.

La costante è il cambiamento, ed è per questo che visione e strategia devono essere flessibili. Resta il fatto che una forza lavoro motivata e organizzata intorno a una visione condivisa è uno dei più potenti vantaggi competitivi possibili!

Nel Tuo sistema, nella Tua attività di Business chi rompe il passo non può farcela a tracciare una nuova via se non è seguito da un numero di persone sufficiente a imprimere al nuovo sistema la spinta per funzionare. Quando i gruppi lavorano insieme con onestà, fiducia reciproca, capacità di confrontare anche i pregiudizi, se hanno una visione condivisa, con la forza di carattere che ci vuole per sostenere la verità, allora sì, che possono innescarsi cambiamenti grandi e gratificanti sula base dei VALORI!

Costruisci la Tua Attività di Business grazie ai valori!

Fai che accada!

 

Compila il Form qui sotto, lascia un messaggio e sarai ricontattato nel più breve tempo possibile.

 

Ho preso visione e acconsento al trattamento dei miei dati personali in conformità al D.Lgs 196/2003. Leggi la Privacy Policy

Consenso per attività di marketing, iscrizione alla newsletter,ricezione materiale informativo mediante telefono internet ed email.

 

E Tu che ne pensi? Scrivi QUI sotto il Tuo parere rispondendo a questo post!

Fai che Accada!

Per il Tuo Successo Imprenditoriale!

FIRMA-Marco-Merangola-SF-2015-SX

Leadership Trainer & Business Coach
www.leadershiplab.it

POTREBBE INTERESSARTI LEGGERE ANCHE:
BB – Benessere & Business – Video Blog
Non Pianificare significa Pianificare

About Marco Merangola
Formatore & Business Coach tra i più stimati e apprezzati Master Trainer e Business Coach nel nostro bel paese e punto di riferimento riconosciuto della LEADERSHIP PROFESSIONALE in Italia. Nasce a Gubbio (PG) il 03 maggio 1962, dopo gli studi scientifici in ambito commerciale prima e sociologici applicati all'azienda poi, si dedica allo studio accademico e di approfondimento di nuove conoscenze nell'ambito delle Scienze della Comunicazione con indirizzo alla Leadership presso l'università La Sapienza di Roma. Master in PNL, Programmazione Neuro Linguistica (con R. Bandler), Coach certificato FIC (Federazione Italiana Coach) e membro attivo dell'AIF (Federazione Italiana Formatori). Iscritto alla lista consulenti accreditati alla regione Umbria.