Imparare dal fallimento è diventato un luogo comune nel mondo del Business, almeno in termini di accettazione dell’idea che sia una buona cosa da fare, nei limiti che questo non porti alla totale chiusura di un’impresa, anche se spesso è più facile parlarne che metterla in pratica.

Sebbene sia un modo di pensare relativamente moderno per le aziende, il concetto in sé non è una novità, ne qualcosa che dovrebbe essere limitato a un particolare settore o funzione.

Quello che è diventato noto come “fallimento intelligente” è una filosofia che può e deve essere applicata a tutte le organizzazioni.

Una cultura del fallimento intelligente è un insieme condiviso di valori, obiettivi e pratiche che incoraggia l’apprendimento attraverso la sperimentazione attiva delle Persone, imprenditore compreso.

L’obiettivo della costruzione di una cultura del fallimento intelligente è creare flussi di lavoro che consentano a chiunque di imparare dai propri impegni improduttivi.

 

Quindi cosa significa esattamente “Fallimento intelligente”?

Personalmente seguo da anni Amy Edmondson, professore di leadership e management presso la Harvard Business School.

Lui definisce una cultura del fallimento intelligente come quella che “capisce che gli esperimenti, il prendere nuove strade, a volte possono finire con un fallimento, se chi sperimenta si fa pioniere di nuovi percorsi”.

Affinché il fallimento intelligente diventi accettato ed efficace, gli Imprenditori devono avere e diffondere una cultura che sia fiduciosa, costruttiva, altamente innovativa, ma riflessiva.

E innovazione e Riflessione sono due aspetti cruciali legati a doppio filo con il fallimento e che si nutrono di Tempo!

Spesso siamo troppo occupati per investire tempo a fare un passo indietro e pensare a come sono andate le cose e come potrebbero essere migliorate”.

Un’azienda che crede nel fallimento, come opzione, riconosce che questo fa parte del processo di apprendimento e che ogni esperimento fallito fornisce un feedback prezioso che alla fine può essere utilizzato per raggiungere il successo imprenditoriale.

E anche se sembra qualcosa che stiamo tutti cercando di evitare ad ogni costo, il fallimento è ovunque e nel corso della storia ha dimostrato di essere uno dei modi in cui si verificano le scoperte.

Il fallimento è uno dei possibili e probabili risultati di una sperimentazione e solo sperimentando possiamo sperare nell’innovazione, che è una delle più grandi parole d’ordine nel mondo del Business moderno.

Accettando e persino cercando piccoli fallimenti attraverso la sperimentazione costante, ogni mancanza di successo fornisce all’azienda più dati su cui attingere quando decide su come innovare per andare avanti. 

Paradossalmente, Tu, con la tua azienda, ti stai prendendo il tempo per imparare e implementare questi insegnamenti in azioni future.

E non sono molti gli Imprenditori che stabiliscono un budget da destinare al fallimento intelligente!

Sì, Perché spesso si parla di innovazione e creatività come se fossero puramente positive, il che, invece a volte può essere problematico.

In realtà, fare scoperte può essere disorientante, difficile e stressante, poiché dopo che ne hai preso consapevolezza, queste ti chiedono attenzione e tempo, che spesso non hai.

Quindi applicare una lente di fallimento ad ogni nuova sperimentazione in modo appropriato e onesto può essere liberatorio e rassicurante per chiunque collabori in un’organizzazione imprenditoriale. 

Al contrario di implementare rapidamente una soluzione collaudata che sai fare, una cultura che incoraggia l’innovazione e il fallimento consente al tempo di trovare il modo migliore per ottenere qualcosa e non presume mai che questo sarà il migliore a tempo indeterminato.

La cultura al Fallimento intelligente è quella che mette costantemente in discussione “il modo in cui abbiamo sempre fatto le cose”.

Ci sono alcuni principi fondamentali che guidano in modo proattivo il fallimento intelligente. Analizziamoli e vediamo quali sono:

Guida non solo con l’esempio: Il Leader non dovrebbe solo condividere le proprie storie sui suoi fallimenti passati, ma anche assicurarsi che i suoi collaboratori comprendano l’importanza di provare nuove soluzioni con il rischio di sbagliare a volte le cose. È compito del Leader far si che la sperimentazione non arrechi un danno irreparabile all’azienda.

 

L’importanza del follow-up

Ok, quindi è successo il fallimento, ma cosa succede dopo?

Il principio del follow-up consiste nell’assicurarsi non solo di risolvere il problema tornando a come erano prima, ma anche di condividere la storia del fallimento e la soluzione individuata, in modo che il Team tragga una lezione preziosa da essa.

Dopo ogni errore, è lecito ritenere che se si è verificato una volta, potrebbe accadere di nuovo.

Ecco perché è essenziale chiedere e discutere nel Team: “Se succede di nuovo, come gestiremo le cose questa volta?”

  • Porta una soluzione : i Leader dovrebbero incoraggiare i collaboratori che individuano o hanno problemi  a proporre anche alcune soluzioni che pensano potrebbero funzionare.
  • Trasparenza: Questo non si limita solo alle idee e al modo di lavorare, ma si applica a garantire che le persone si sentano libere di parlare dei loro fallimenti e di come hanno trovato una via d’uscita.

Questa cultura della condivisione non solo inviterà più persone a parlare, ma rafforzerà anche la sensazione di essere al sicuro per provare a fallire. La trasparenza riguarda anche i compromessi.

A volte il fallimento si verifica a causa di risorse limitate: tempo, denaro, persone.

Chiedi dopo ogni fallimento quali compromessi sono stati fatti e come il dipendente ha preso tali decisioni.

L’intera azienda può imparare molto dall’esperienza e dal viaggio che ha portato a un evento, non solo dal suo esito. È anche un ottimo modo per imparare dagli errori degli altri, se sei consapevole di cosa è successo, perché è successo e capisci cosa funziona e cosa no.

Elimina drammi e sanzioni : il fallimento dovrebbe essere incoraggiato e accettato così com’è. Tutte le emozioni negative associate al fallimento dovrebbero essere evitate, così come le sanzioni di qualsiasi tipo.

A mio avviso, accettare il fallimento, l’errore, fanno parte del lavoro di ognuno di noi, ma non accettare la mancanza di responsabilità nell’errore, spesso accompagnata da storie e scuse estremamente fantasione.

Questi sono solo alcuni esempi per condividere con te il mio pensiero sul fallimento intelligente come arma di innovazione e crescita.

Cambiare o creare una cultura che incoraggi un modo sano di fallire e fare errori non è facile, e ci sono molte sfumature su quale sia la cosa giusta da fare, come e fin quando permetterla, di certo la cultura del fallimento intelligente rappresenta, a mio avviso, ciò che permette ad una organizzazione imprenditoriale di essere sempre al passo del mercato, avere un Team di collaboratori proattivi e responsabili e fare la differenza a lungo termine.

 Per la tua Crescita Professionale

 

trova il tuo focus