Do what you can

Reinterpreta, datti da fare, do what you can!

 

“If You Cant’t Do What You Do…Do What You Can”, recita l’ultimo singolo della band statunitense Bon Jovi, ossia “ Se non puoi fare ciò che fai normalmente…fai quello che puoi”

 

La storia e il progetto musicale che ha ispirato la canzone parte direttamente dall’ esperienza del Lockdown vissuta da Jon Bon Jovi, Leader e anima del gruppo.

Durante i mesi di stop, JBJ si è dedicato alla gestione del suo Pub/Ristorante il JBJ SOUL KITCHEN COMMUNITY RESTAURANT, facendo tutte le mansioni compresa quella di lavare i piatti e proprio una foto che lo ritraeva in cucina, scattata dalla moglie e poi postata sui social con la frase sopra citata, ha dato origine alla canzone.

L’idea che ne è nata è stata quella di chiedere ai fan frasi che descrivessero il modo personale di vivere e interpretare il Lockdown.

Il messaggio è di una forza dirompente, perché porta tutti noi, nelle nostre rispettive vite e attività a chiederci Cosa Possiamo Fare?

Se le consuete procedure, azioni, decisioni hanno subito un cambiamento drastico, se non addirittura uno stop deciso, cosa possiamo fare come Imprenditori e Professionisti per scoprire e intraprendere nuove strade?

Siamo disposti a lavare i piatti o continuiamo ad addossare la responsabilità a un evento imprevisto e alle mancate decisioni governative?

I nostri uffici, locali, capannoni hanno i computer più efficienti e fichi, ma la macchina più efficiente che possiamo sfruttare al meglio è il nostro cervello, la nostra capacità di pensare e creare nuove forme o nuove modalità di Business?

 

Durante le quotidiane sessioni di Business Coaching, l’aspetto più affascinante e stimolante che viviamo in LeadershipLab è quello di portare i nostri clienti a vedere le singole situazioni da prospettive diverse.

 

 

Se sei un fotografo che ha sempre lavorato per matrimoni e cerimonie, analizzando il nuovo contesto e venendo meno un entrata sicura e cospicua, puoi iniziare a specializzarti in nuovi mercati, magari più di nicchia ma ugualmente produttivi.

Un periodo di stop e passaggio può essere l’occasione anche di decisioni drastiche e intraprendere nuove professioni, che la routine giornaliera in cui non hai un attimo per pensare ti avevano impedito di valutare serenamente.

Tutto ciò non è garanzia di successo assicurato, un periodo anche lungo di fallimenti, sbagli e dubbi è probabile, senza distoglierci però dal nostro fine più segreto: realizzare noi stessi e il messaggio che portiamo in serbo.

Fai quello che puoi, con quello che hai, significa essere predisposti a trovare alternative anche nelle singole decisioni quotidiane.

 

Le grandi decisioni sono sempre conseguenti a piccoli passi fatti ogni giorno.

 

Esemplare è la storia di un nostro affezionato cliente, Michele imprenditore veneto, il quale a seguito di un incidente auto e non potendo guidare l’auto per sei mesi, si è munito di bici con pedalata assistita e ha iniziato a girare la provincia di Treviso a suon di pedali.

Invece di disperarsi ha trovato una soluzione, che lo ha condotto anche ad una forma fisica invidiabile e a rivalorizzare spazio e tempo.

Ritroviamo quindi quella naturale forza creatrice che è in noi, facendoci aiutare e affiancare se necessario, perché una nuova normalità è possibile da costruire e reinterpretare, ricordandoci che non esistono strade ignote ma solo strade ancora non battute che stanno li magari accanto a noi e non le vediamo.

 

Quanto sei disposto ad applicarti e studiare per il tuo Business?

Se dovesse ritornare un nuovo Lockdown, cosa puoi fare con quello che hai?

Quali sono le strade che non riesci ancora a vedere?

 

Rispondi nei commenti!

Dal mio Blog potrebbe interessarti anche:

Fai che Accada!
Per il Tuo Successo Imprenditoriale!


Leadership Trainer & Business Coach

Pin It on Pinterest

Share This