Pianificare, Credere nelle Persone Giuste e Saper Prendere Decisioni Efficaci sono la Ricetta Ideale per Superare una Crisi Aziendale e Rilanciare il Tuo Business.

Così come ci insegna una bella storia, tutta italiana, apparsa in più quotidiani economici diverso tempo fa.

Parmacotto: Una Storia di Crisi Aziendale e Rinascita

Nel 2015, il noto salumificio industriale emiliano, è stato sottoposto a sequestro conservativo di 10 milioni di euro, e a un passo dall’essere acquisita da un fondo straniero.

Per renderla semplice tutto ciò significa fallimento con conseguenze non solo economiche ma anche di immagine e sociali.

Crisi d’Impresa e Come Affrontarla!

Possiamo citare tutte le frasi che vogliamo che incitano alla bellezza del fallire e che esistono solo risultati, quando un marchio, un imprenditore, un professionista, ognuno di noi fallisce, è un fatto che crea dolore, sfiducia, tristezza.

Ciò che rende diversa questa storia è l’approccio per nulla scontato dei vari protagonisti.

Il primo è Andrea Schivazappa, che nel 2015 prende il timone dell’azienda in piena crisi finanziaria e sull’orlo del fallimento, con in mente un piano ben preciso.

Questo è un primo aspetto che sorprende anche i vari esperti di finanza e mercati, perché è un piano dettagliato di rilancio che ha come primo punto inderogabile quello di non lasciare a casa nessun operaio.

Quando hai chiara la meta, quasi tutte le tempeste possono essere affrontate…

Gli anni che seguono sono difficili e tosti, con la nave che sembra affondare da un momento all’altro, ma quando hai chiara la meta, condivisa con i tuoi uomini, anche le tempeste apparentemente impossibili possono essere domate.

cirsi d'impresa

Un piano dettagliato e preciso significa rendere esplicite le competenze dei singoli, valorizzarle, migliorarle fino a farle diventare vendibili e appetibili al mercato.

Proprio la consapevolezza di un progetto fondato su qualità e competenza di tutta la squadra ha convinto nel 2018 l’imprenditore Giovanni Zaccanti a scommettere sul marchio.

Credere nelle Persone come Filosofia di Business

Con investimenti costanti sulla crescita delle persone, un reinvestimento continuo dei profitti all’interno dei vari comparti aziendali, operai che sono diventati manager, oggi la Parmacotto è uscita con due anni di anticipo dal concordato stipulato nel 2015 per non fallire e ha un ulteriore piano di decine milioni di euro.

Senza andare ulteriormente nei dettagli, il significato di questa storia mostra ciò che come filosofia di Business portiamo avanti da anni: Pianificare, Credere nelle Persone e Valorizzarle, Creare Relazioni, Saper Prendere le giuste Decisioni, in due parole Intelligenza Manageriale.

Tracciare una Linea, Cogliendo Tutte le Opportunità

La vita e il Business ci mostrano continuamente che i fallimenti esistono, avvengono e fanno male, cosi come esiste quella forza di sedersi, prendere un foglio, tracciare una linea e iniziare ad attaccare i Post-It della risalita.

Ogni Imprenditore e Professionista ha il diritto di lamentarsi, ma solo un minuto, poi ha il Dovere di scegliere e disegnare un piano che trasformi la situazione cogliendone tutte le opportunità lungo la strada.

Il percorso non è semplice e scontato, una base comune a tutte le storie che raccontano di crisi superate è quella di scommettere sulle persone e sulle loro competenze.

Rendere Partecipe Tutta la Squadra

Nella vicenda della Parmacotto un aspetto non secondario è stato il fatto che gli operai non abbiano fatto giornate di sciopero, perché resi partecipi del percorso da fare tutti insieme.

crisi finanziaria

Ogni crisi, ogni sconfitta a livello personale, aziendale, sportiva, sociale, si supera intensificando le relazioni tra le persone, creando uno spirito che liberi le migliori qualità di ognuno.

Una Persona che si voglia definire Leader chiamata a guidare un gruppo non è un supereroe, è semplicemente qualcuno che si assume la responsabilità di un piano, mostrando le sue vulnerabilità, chiedendo l’aiuto di chiunque voglia sposare quell’idea e quel progetto.

Fallire e Poi Rinascere

Nel dicembre del 2020, ci ha lasciato il simbolo del Mondiale di calcio del 1982, Paolo Rossi, altro esempio di rinascita a un passo dal fallimento totale.

In quella Estate Mondiale, il piano dell’allenatore Bearzot e di tutta la squadra era semplice e chiaro: silenzio stampa, tutti uniti, ognuno a lavorare sul proprio talento, volere a tutti i costi quella coppa.

Nella sua Biografia Paolo Rossi ha scritto:

I dubbi e le incertezze fanno parte delle persone coraggiose, di quelli che a un certo punto decidono di mettersi alla prova. E’ normale avere qualche dubbio o qualche incertezza, ma la volontà, quella di voler arrivare, di farcela, non mi è mai mancata.

Ognuno di noi quindi è chiamato, anche nella crisi più difficile e impegnativa, a assumersi la responsabilità e il coraggio di vincere il proprio mondiale.

 

Dal mio Blog potrebbe interessarti anche:

 

Pin It on Pinterest

Share This